Ricerca nel Blog
Artisti "Immersi"

Artisti "Immersi"

E’ proprio così, essere artisti può essere semplice ma diventare artisti conosciuti è tutta un’altra cosa, chiunque ama l’arte e cerca di esprimerla con i propri mezzi è un’artista c’è chi guarda solo il lato economico, cercando di fare ciò che può piacere agli altri e vendere a prezzi molto bassi poi c’è chi lo fa con passione cercando di fare ciò che si sente in modo da rendere reale quello che sente nel cuore senza badare ai gusti degli altri o alle mode del momento, penso di parlare per molti dicendo che anche questa categoria non trascura il lato economico.


L’artista (Immerso) può avere moltissime difficoltà, negli anni ho capito che servono molte combinazioni ad incastro per arrivare ad uscire dall’apnea, la fortuna penso sia la prima, ma ahimè non accompagna sempre tutti, ci vogliono le conoscenze, sono molto importanti per riuscire a fare diversi metri in salita, ci vuole carattere perché è un mondo difficile e a volte duro, non sempre gli Immersi vengono trattati come meritano c’è chi tenta di farsi strada mandando qualche mail a qualche galleria ma sono poche quelle che rispondono, ancora più frustrante è recarsi di persona e venir trattati non proprio in maniera simpatica e a quel punto si va ancora più a fondo anche con il morale.

In rete ho trovato molti consigli su cosa fare e come comportarsi con i galleristi, cosa non dire, come non presentarsi, cosa evitare, attenzione a dire questo attenzione a dire l’altro e via dicendo, penso che essere se stessi sia sempre la miglior cosa, per questo ci vuole un bel carattere resistente alle intemperie.


La parte economica un’altro elemento indispensabile, se vuoi farti vedere devi pagare, è inevitabile se sei un Immerso, c’è chi pensa sia inaudito dover pagare per esporre e infatti si rifiuta di partecipare ad eventi a pagamento al contrario chi invece pensa sia giusto spende parecchi dei suoi risparmi per avere una possibilità di emergere, un piccolo spiraglio per farsi vedere in mezzo a tantissimi altri Immersi, magari questa volta mi notano….

E’ proprio dura Immersi, quindi penso che l’ordine corretto è che inizialmente siamo artisti immersi se poi veniamo notati diventiamo emergenti ma poi il passo più difficile è uscire dall’acqua e rimanere fuori il più possibile.

Comunque vadano le cose non ci si deve arrendere se hai l’arte nel cuore non lasciarla andar via è una cosa preziosa.


Silvia Enriconi                     19 luglio 2019